• Caterina Allegra

Dolce far nulla, e sensi di colpa



"Dolce far niente" (1897) by John William Godward

(Articolo di James Reeves) - Una delle cose più essenziali per ognuno di noi in questa vita è il sentirsi a proprio agio. Potresti non necessariamente apprezzarlo, o persino riconoscerne il bisogno, ma in realtà passiamo la maggior parte del nostro tempo a cercarlo.

Molti di noi lavorano duramente per poter essere rilassati sui costi della vita, acquistiamo beni e servizi che semplificano le nostre vite, e cerchiamo attività e oggetti che riteniamo possano farci sentire più a nostro agio. Vogliamo una vita facile e una vita rilassante - una vita piena di riposo e tranquillità - e, ironia della sorte, molti di noi intraprendono una ricerca alquanto frenetica di essa.

In questo momento c'è un movimento che si concentra sulla creazione di uno stile di vita minimalista, sia che si tratti di rinnovare la casa per eliminare la confusione, semplificare - o addirittura limitare - quello che mangiamo, o rielaborare il nostro approccio allo shopping in modo da acquistare meno beni purché siano di maggiore qualità e longevità. Ci sono innumerevoli libri, programmi televisivi e canali di social media dedicati a tali "cambiamenti di vita", e adoro molte delle idee presentate e l'ethos che c'è dietro. Non è un caso che questo movimento sia in linea con un altro: quello delle "esperienze". Il passaggio è breve dal comprare e "mostrare" cose, all'acquisire esperienze, per poi necessariamente documentarle e condividerle con il mondo. Che si tratti di una gita fuori porta, una passeggiata nella natura, una vacanza all'estero o una festa con gli amici... "facciamoci una foto!"

Nonostante le "attività riposanti" (!) diventino sempre più popolari, come lo yoga, la consapevolezza, la meditazione, i "bagni naturali", i "gong baths" e probabilmente solo i "bagni normali" (personalmente il mio preferito), per quanto siamo incuriositi dal loro potenziale di farci sentire più riposati, siamo soprattutto entusiasti per l'ulteriore livello di esperienza - e il potenziale per documentare questa esperienza - che offrono.

Con le nostre case eleganti e raffinate, le nostre diete pulite e i nostri account sui social media pieni di un catalogo di spazi ben curati e di esperienze 'arricchenti', abbiamo forse creato, finalmente, una vita priva di disordine e colma di attività ed esperienze significative?

Ci sentiamo più leggeri? Siamo finalmente a nostro agio con le nostre vite?

Non posso rispondere a questa domanda per te, quindi, al suo posto, te ne chiedo un'altra: come potrebbe tutto questo influenzare quella parte di te a cui non importa nulla del disordine o delle esperienze? Quella parte di te che rimane immobile, costante, a suo agio e imparziale, qualunque cosa stia accadendo nella tua vita e indipendentemente da ciò che possiedi o non possiedi o potresti possedere?

Questa potrebbe essere una domanda difficile a cui rispondere se ultimamente non hai preso un momento per ascoltare con questa parte di te - la parte di te che rimane quando tutto il resto non c'è più. Quando riposiamo - quando ci fermiamo completamente - potremmo intravedere la consapevolezza costante che fa da sfondo a tutta la nostra esperienza.

Quando si tratta di riposare, potremmo trovarci a dover lottare per "semplicemente" fermarci e lasciar andare. Le nostre idee sul riposo spesso comprendono un'attività più riposante della nostra solita vita quotidiana - una lunga passeggiata lungo il fiume, un buon libro, un massaggio - ma non ci stiamo ancora fermando. Se la camminata è lunga, non ti riposerai molto. Se il libro è buono, non puoi metterlo giù. Nessuna di queste attività è davvero uno stop. Un punto fermo.

Ci sono un sacco di persone là fuori a riposare - lo sappiamo, dato che è una parte così necessaria della vita. Se siamo malati, o esausti, a un certo punto dobbiamo fermarci. Se raggiungiamo la fine della strada con un determinato lavoro, o siamo distrutti da una relazione - e queste cose accadono continuamente - raggiungiamo un punto morto e non possiamo più continuare lungo la traiettoria in cui eravamo. In questo senso, il riposo sta accadendo tutto il tempo, ma quello che forse non stiamo vedendo è che, nonostante la gente di tutto il mondo prenda parte a questo tipo di riposo, non se ne parla molto e non è certo molto celebrato. Non fa scalpore su Instagram (ancora).

Il riposo non è qualcosa di cui puoi facilmente parlare in modo coinvolgente:

Jane: "Che cosa hai fatto nel weekend, Peter?"

Peter: "Non molto ... ma mi sono seduto e ho chiuso gli occhi per mezz'ora domenica mattina!"

Potremmo applaudire alla decisione di Peter di riposare, ma dal punto di vista della conversazione, ha poco valore. Non è interessante, eccitante, degno di fotografia o coinvolgente. Non è niente.

Per approfondire questo punto, non solo vediamo e sentiamo molti esempi di vite impegnate ed appaganti (sulla superficie delle cose) e una mancanza di rappresentazione degli aspetti salutari del riposo a causa del suo "nulla" inerente, ma ci vengono anche dati messaggi consci o inconsci che confutano o addirittura gettano il riposo in una luce negativa ("Il diavolo trova lavoro per le mani oziose" ecc (N.d.T:- tradotto dal proverbio inglese: “The devil makes work for idle hands,” di cui non conosco un corrispettivo italiano). In particolare, fin dagli albori della rivoluzione industriale, siamo stati chiamati a sfruttare al meglio il tempo che abbiamo per essere occupati e produttivi, e il riposo è stato considerato una sorta di contro-posizione di queste qualità - qualcosa che potrebbe farci diventare pigro, ozioso, stagnante e noioso. Potresti anche essere stato svergognato per il fatto di riposare, di non fare nulla, in passato, forse da un genitore, un insegnante o un fratello. Forse in un momento in cui hai avuto bisogno di riposarti, ti hanno fatto sentire in colpa, in qualche modo. So che io lo sono stato, molte volte (non farò nomi ...).

Ci sono innumerevoli fattori che contribuiscono a creare un senso di colpa ogni volta che scegliamo di fermarci. Potresti sentirti in colpa se ti fermi quando sembra che nessun altro si stia riposando, o potresti essere succube di alcune di queste convinzioni sul riposo come un'attività non costruttiva. Potremmo continuare così, cercando ancora quel senso di facilità (continuando a correre, pensando di poter evitare quei sentimenti negativi di vergogna e colpa e sperare in un futuro più riposante) o sentendoci male quando ci fermiamo, sapendo che tutti gli altri sono impegnati (anche se forse vorrebbero fermarsi anche loro!). Forse c'è una parte di noi che crede che se non ci sforziamo e non continuiamo così, non riusciremo ad adattarci, o siamo in qualche modo anormali.

Forse fissare un muro bianco sembra strano dall'esterno, ma ci hai provato di recente? È davvero piacevole.

In breve, il riposo non ottiene nessun clamore, o cattiva stampa. Quindi vedo come la mia missione il condividere lo splendore del riposo.

Ci sono in effetti alcuni chiari benefici per il riposo: un aumento della creatività e della risoluzione dei problemi, una maggiore capacità di intuizione, livelli energetici più elevati, meno ormoni dello stress nel corpo. Nessuno può discutere su questa lista, cos'è che non va?

Tuttavia, mentre questi benefici potrebbero essere descritti come brillanti, lo splendore che desidero indicarvi è ancora più profondo. La brillantezza, o la radiosità, possono essere prese a livello personale (per essere brillanti di mente e corpo) ma c'è qualcosa di "brillante" sulla qualità di fondo del riposo stesso. Quando riposiamo, per lunghi periodi di tempo, iniziamo a scoprire l'essenza stessa di ciò che siamo. Iniziamo a conoscere un luogo tranquillo, una quiete, che è la nostra stessa coscienza che brilla. Questo "niente" (non è una cosa, e in questa maniera, Instagram non riuscirà mai ad afferrarlo) che vediamo è la quiete da cui si sviluppa tutta la vita. È lo spazio in cui i nostri pensieri e percezioni accadono. È la quiete dietro l'attività della vita. Sebbene non ancora creato, è il potenziale da cui tutto si manifesta.

C'è innegabilmente qualcosa che inizia a "brillare" da questo luogo di quiete. Il nostro senso di agio, abbondanza, gioia e calma scaturiscono tutti da questa immobilità, senza il bisogno di nulla. Quando siamo ben riposati, noi splendiamo. Quanto è bello risplendere e frizzare di vita senza dover fare nulla per far accadere una cosa del genere. Nessuna pianificazione richiesta. Nessuna abilità necessaria Nessun kit. Niente. Solo tu, così come sei, fermandoti.

Ho provato a riposare e a dare al riposo un posto generoso nella mia vita da un po 'di tempo. Sono un essere umano migliore quando mi sono preso il tempo per riposare. Il fermarsi è essenziale; non è un lusso.

'Niente' potrebbe non sembrare molto eccitante in superficie, ma se sei pronto ad abbracciarlo, potrebbe cambiarti la vita.

Quindi, per favore, portati avanti, vai a riposare. Fissa fuori dalla finestra. Ascolta gli uccelli. Vedi se riesci a indulgere in un piccolo far niente senza sensi di colpa. È tuo per scelta, ed è brillante.

Tutto quello che devi fare è niente.

(E non provare a farne una foto).

****

Articolo originale scritto da James Reeves dal titolo: "Do you feel guilty about doing nothing" del 23 Gennaio 2019, tratto e da me tradotto dal sito www.restfulbeing.com Puoi trovare l'articolo originale qui

Sull'autore:


Nel 2001 James viaggia in India dove ha avuto la sua prima e profonda esperienza di yoga. Nel 2004 è tornato in patria per completare la sua formazione da insegnante e da allora gestisce la sua scuola di yoga (Restful Being). James ha studiato con una vasta gamma di insegnanti, prendendo spunti e pratiche preferite dalle scuole di Hatha, Tantra, Advaita Vedanta e filosofia di Sankhya. Ha preso ispirazione da Donna Farhi, Mukunda Stiles, Kali Ray e Rod Striker e mentre il suo stile di insegnamento è una miscela di queste influenze (e anche di più) la più grande ispirazione di James è stata l'opera di Richard Miller, PhD. Richard ha fondato il "Integrative Restoration Institute" (IRI) negli Stati Uniti e ha istituito il protocollo iRest Yoga Nidra, un sistema di rilassamento profondo e indagine meditativa. James è attualmente l'unico formatore insegnante sponsorizzato dall'IRI in Europa. Ha collaborato con organizzazioni come Oxford University, Oxfam e Khiron House Trauma Clinic, ed è stato persino assegnato agli Oscar (anche se non sul tappeto rosso, purtroppo). James è anche un insegnante regolare di lezioni di yoga online presso Ekhart Yoga.

James descrive le sue esperienze di scoperta dello yoga e dove questo lo ha portato:

"Nel 2001, fui ingannato nel frequentare una lezione di yoga. Ero un venditore di software (piuttosto esaurito) che viaggiava in India e non ero minimamente interessato [allo yoga]. La classe andò avanti come fanno molte lezioni di yoga - allungando, piegando (o, nel mio caso, scricchiolando) noi stessi in strane forme - ma alla fine accadde qualcosa che mi cambiò la vita. Finii per rilassarmi. Entrai in uno stato di consapevolezza beata e mai sentita prima. Ero stato costretto a incontrare il mio io più intimo e pacifico ...

Mi ci sono voluti molti anni per studiare, insegnare e sperimentare varie forme di yoga, meditazione e indagine personale prima di capire chi o cosa fosse questa versione di me, e come fosse la chiave per vivere una vita equilibrata e pacifica. È importante sottolineare che questo non significa vivere una vita separata dalle sfide del mondo reale: si tratta di essere in grado di affrontare ogni emozione ed esperienza che la vita ti getta e di rispondere da un luogo di profonda saggezza. Lo yoga non è un mezzo per controllare la vita, o sfuggire alle difficoltà che inevitabilmente arrivano sulla nostra strada. Non è una scusa per fingere di essere felice dello status quo. Lo yoga non è sempre calmo, lo yoga non è sempre pacifico, lo yoga non è sempre felice. Lo yoga non ti chiede di capire il sanscrito, o di essere vegetariano o flessibile e forte. Lo yoga è una promessa di essere presente con te stesso e il mondo circostante proprio come è nel qui e ora; un riconoscimento del tuo essere, senza giudizio, paura o aspettativa. Quando lo facciamo, vediamo il nostro vero io; siamo consapevoli".

#dolcefarniente #riposo

0 visualizzazioni

​© 2013-2020 by Caterina Allegra

SicilYoga è un marchio registrato

Numero deposito: 302019000030203

(Ministero Sviluppo Economico)