top of page

Alimentazione Ayurvedica per il mese di Maggio



Maggio, al confine tra primavera ed estate, è un mese particolare per l'Ayurveda. Se anche tu ti senti invasa dal vibrante fermento creativo e vitale che si manifesta in natura, se anche tu senti un impulso a fare, uscire, muoversi, o se soffri di allergia... allora è importante sostenere il naturale processo di risveglio caratteristico di questo mese con una alimentazione adeguata. Ricordiamoci che nelle medicine orientali, si lavora sulla prevenzione. (Prendersi cura di sé in questo periodo dell'anno ci permetterà di stare bene in estate ed autunno. Troppo spesso pensiamo che prenderci cura di noi ha degli effetti immediati. Se questo spesso succede, gli effetti più duraturi e spesso permanenti si manifestano a lungo termine).


Maggio a livello fisico, energetico e mentale


Sebbene maggio sia generalmente un mese piacevole, il nostro corpo sta ancora combattendo per capire come gestire l’aumento di caldo e umidità. Energeticamente, c'è un entusiasmo e una fervore nell'aria, e tutto sembra traboccare di vitalità: animali, piante, fiori.

Nei prossimi paragrafi andremo a vedere le caratteristiche per ogni dosha. Se non conosci il concetto dei dosha, ti invito a leggere questo articolo: I Dosha secondo l'Ayurveda 


Nelle giornate calde, o per le persone sbilanciate, tra aprile e giugno è comune sentirti "surriscaldati" e provare frustrazione e aggressività. La febbre primaverile può spingere gli individui Pitta nel fare troppo e i Vata in un entusiasmo eccessivo. Al contempo, gli individui Kapha possono sentirsi psicologicamente sopraffatti nei giorni in cui il caldo porta a squilibri e cogestione. Nel complesso, la pazienza si esaurisce nelle giornate calde.


Fisicamente, il caldo della stagione ha già bruciato la maggior parte del grasso invernale. Il sangue è più fluido e quasi pronto per l'estate. Nelle giornate calde, spesso capita di avere il viso arrossato e una sensazione di disagio causata dal caldo. Queste giornate calde continueranno a creare congestione fino al Solstizio.


Sia l'attività fisica che il calore del sole possono surriscaldarci con il movimento; se notiamo questo, dobbiamo moderare o adattare l'attività fisica, pensando a dei cambiamenti nella pratica. Questa è la stagione di Pitta Kapha ed è l’ultimo mese per la pratica disintossicante del pancha karma. A breve il corpo sarà troppo caldo e leggero per seguire delle pratiche detox.


Con il caldo aumenta la frequenza cardiaca: tutti i pori si aprono per rilasciare calore mentre l'umidità e il colore ritornano alla pelle. La pelle appare luminosa e bella con l'aumento della temperatura, e questo ci dona un aspetto roseo e fresco.


Il flusso sanguigno aumenta naturalmente in tutto il corpo in questo periodo dell'anno, il che può esaurire e surriscaldare il fegato. Se sentiamo gli occhi offuscati e lo sguardo "appannato" in una giornata calda, o se ci sentiamo irritabili, arrabbiate o eccessivamente determinate, forse il fegato ha bisogno di supporto di una dieta adeguata.


A maggio, il caldo della stagione aumenta la sudorazione e la perdita di elettroliti. Mentre gli individui Kapha sperimentano gonfiore nelle giornate calde e umide, gli individui Vata possono soffrire di disidratazione. Se senti i muscoli deboli, se ti senti mentalmente annebbiata o la tua bocca è più secca del normale, è tempo di aumentare l'assunzione di acqua per ricostituire le riserve del tuo corpo: dopo un inverno freddo e sedentario, la maggior parte delle persone è abituata a bere meno acqua. Non esiste una regola uguale per tutte, ma presta attenzione a quanta acqua bevi durante in giorno. Ricorda che il caffè, il tè e l'alcool ci disidratano: un altro motivo per consumarne di meno in questa stagione dell'anno. L’acqua ha pochi elettroliti (1). Se hai un corpo Vata (che tende alla carenza), puoi un pizzico di sale all'acqua. Gli individui Vata possono anche aggiungere un po’ più di sale al loro cibo. Infine, aggiungi il limone nell'acqua. La sua acidità stimolerà le secrezioni e farà fluire i succhi. Il gusto aspro ci mantiene fresche anche nelle giornate calde dilatando i vasi sanguigni.


Routine quotidiana e stile di vita


Dedichiamo almeno 30 minuti ogni giorno per stare all'aria aperta, idealmente al sole e facendo movimento! Oltre a reintegrare i livelli di vitamina D, che potrebbero essere carenti dopo il lungo inverno, sudare leggermente ogni giorno pulisce delicatamente il sistema linfatico, lasciando la pelle luminosa e fresca. Se tendi a surriscaldarti, le passeggiate notturne sono un'alternativa valida.


È ora di risvegliare la gioia di indossare vestiti leggeri e primaverili! L'abbigliamento influenza molto il nostro stato d'animo.


Il sonno è sempre una priorità: assicurati di dormire a sufficienza. Potrebbe sembrare sempre più difficile andare a letto presto man mano che le giornate si allungano


Usa il neti pot ogni giorno per mantenere i seni puliti e tenere a bada le allergie, includendo anche degli esercizi di respirazione adeguati. La spazzolatura a secco quotidiana ci rinvigorisce e mantiene la linfa in movimento.


Alimentazione a Maggio


Con il mese di Maggio inizia la la stagione delle insalate verdi e fresche. Nelle giornate calde e umide, gli individui Pitta e Kapha dovrebbero godersi le verdure primaverili e i teneri germogli di asparagi per alleggerire ed eliminare gli ultimi strascichi di umidità primaverile dalla loro costituzione. I gusti amaro e astringente sono utili nella stagione umida della tarda primavera e dell'inizio dell'estate poiché entrambi alleviano l'umidità di Pitta e Kapha.


Le verdure giovani, leggere e rinfrescanti, supportano anche la pulizia della tarda primavera e aumentano il prana (vitalità). Casualmente, questo è il periodo dell'anno in cui le verdure possono essere più amare, proprio ciò di cui il tuo corpo ha più bisogno per rimanere in equilibrio. Rucola, indivia, cicoria e lattuga a foglia rossa sono tutte aggiunte perfette alle nostre insalate.


Per continuare con il tema della costruzione del prana, questo è il mese per usare i germogli, ovunque. Prova ad esempio con i mung (fagioli azuki) che trovi in erboristeria: sono facilissimi da far germinare in casa! La natura leggera e vivace dei germogli ci dona entusiasmo e vitalità. Piselli dolci, barbabietole e carote costituiscono un colorato contorno per insalate e soffritti, ma hanno ancora la leggerezza necessaria per maggio: cerca un senso di freschezza e vitalità nelle tue verdure. Scegli ciò che sembra più vivo tra la miriade di opzioni disponibili tra i prodotti locali e di stagione: broccoli, cavolfiori, fagiolini, friarielli. Bietole e cavoli e bietole leggermente cotti sono ottime opzioni per un soffritto mentre gambi di finocchio e il melone rinfrescano e leniscono. Se trovate verdura selvatica, non perdete l'occasione di cucinarla: è un alimento pieno di vitalità e energia.


Maggio è ancora un buon mese per le erbe aromatiche, ma è bene privilegiare quelle rinfrescanti come i semi di finocchio e il cardamomo.


Per sconfiggere il caldo, possiamo rinfrescare il piatto con cibi rinfrescanti come cetriolo, avocado (se in Sicilia, approfittate degli ultimi prodotti localmente!) e coriandolo fresco. Tra questi, nel mese di maggio, una menzione particolare merita proprio il coriandolo fresco. Un'erba poco usata nella cucina italiana, è interessante perché è l'unico tra i digestivi che ha delle qualità "raffreddanti", mentre la maggior parte dei digestivi (come il pepe di Caienna) tendono a surriscaldare. Il coriandolo inoltre pulisce il fegato, calma il sistema immunitario, ammorbidisce le feci ed elimina le infiammazioni del tratto urinario. Nel complesso è un'ottima erba per ridurre l'eccesso di Pitta dosha. C'è qualche controversia sull'utilità del coriandolo per la chelazione, la rimozione dei metalli pesanti dal flusso sanguigno. Nonostante il suo effetto essiccante, il coriandolo in piccole quantità non aggrava Vata né causa stitichezza. Aggiungo che ci sono tante persone che proprio non sopportano il gusto del coriandolo: se anche tu sei tra queste, puoi decisamente ignorare quanto scritto in questo paragrafo :)


In questo periodo dell'anno, inizia ad aumentare il gusto dolce che ti aiuterà ad aumentare la tua energia e a ricostituire gli elettroliti persi con la sudorazione. I frutti più leggeri come il kiwi (gli ultimi della stagione) donano freschezza. Le fragole possono aiutare a calmare il Pitta aggravato nel fegato e maturano giusto in tempo. Le bacche in generale sono un ottimo rimedio per il calore del fegato perché le loro ricche riserve di antiossidanti aiutano a ridurre lo stress del fegato e la tendenza all’iperattività (ma cerchiamo di evitare di comprare cibi provenienti dall'alto capo del mondo!). Gli zuccheri contenuti nella frutta addolciscono il fegato, raffreddandolo e calmandolo. Fragole e mirtilli sono particolarmente attraenti poiché uniscono dolcezza + acidità + antiossidanti. Nota come, dopo aver mangiato questi frutti, come gli occhi si sentono calmi e rinfrescati e il tuo temperamento si ristabilisce.


Cereali come amaranto, orzo e quinoa (fair trade e da agricoltura sostenibile, ove possibile) sono scelte ideali perché sono tutti leggeri e asciutti. Gli ortaggi a radice sono generalmente meno nutrienti in questo periodo dell'anno, poiché le piante immettono più energia e vitalità nelle loro parti aeree, compresi fiori, frutti e foglie. Mangia anche proteine più leggere, come il tofu e i fagioli mung.


Maggio è il mese migliore per seguire una dieta vegetariana, e probabilmente il tuo corpo non chiede così tanta carne/pesce in questo periodo: poiché il clima si riscalda, i grassi pesanti non sono così necessari. Utilizza invece gli ingredienti freschi menzionati sopra per incoraggiare la leggerezza.


Erbe aromatiche per Maggio


Generalmente le erbe amare come il cardamomo sono utili per pacificare sia Pitta che Kapha a maggio. Le erbe amare ti aiutano a mantenere la calma in questo periodo dell'anno. Altri cibi con un effetto simile sono l'aceto (rosso, bianco o di mele) l'aglio, e il succo di aloe vera. Per chi ha un forte squilibrio Kapha, il neem è estremamente amaro e purificante. Altri ingredienti utili per sentirsi leggeri questa stagione sono lo zenzero fresco e il fieno greco.


Il burro chiarificato amaro (tikta ghrta) è un tonico e detergente per il fegato particolarmente consigliato nella tarda primavera. Riduce i disturbi congestivi primaverili, la frustrazione e il caldo (sul web trovi tante ricette per come farlo). L’aloe vera è particolarmente lenitiva per il tratto gastrointestinale quando il calore aumenta. Prova a mescolarla in un frullato con il melone.


Il dente di leone continua ad essere una ottima erba in questa stagione: è un perfetto tonico primaverile e un rimedio naturale contro le allergie primaverili. L'amarezza del dente di leone purifica il fegato e calma le fastidiose allergie primaverili. Anche le ortiche fresche sono ottime!


E per finire, per ridurre la congestione Kapha, e l'accumulo di liquidi, potere aggiungere ai vostri piatti semi di mostarda e semi di cumino, basilico e rosmarino!



 


(1) Gli elettroliti sono essenziali per il funzionamento vitale di base, come il mantenimento della neutralità elettrica nelle cellule e la generazione e conduzione di potenziali d'azione nei nervi e nei muscoli. Regolano la funzione nervosa e muscolare, idratano il corpo, bilanciano l’acidità e la pressione del sangue e aiutano a ricostruire i tessuti danneggiati. Elettroliti significativi includono sodio, potassio, cloruro, magnesio, calcio, fosfato e bicarbonati.

46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page