• Caterina Allegra

La stagione dön e le sue conseguenze



Per la tradizione buddista tibetana, il 19 Febbraio 2015 entriamo nel nuovo anno. Per un periodo di tempo precedente al nuovo anno c'è un periodo che è tradizionalmente noto per essere un momento difficile - un momento di ostacoli. E iniziato l'8 febbraio and continua fino al 17. Lodro Dorje, un Acharya nella tradizione Shambhala, ha scritto un bel pezzo su di esso:

"Come esistono il moto della terra e il ciclo delle stagioni, ci può essere anche un ciclo delle forze karmiche a livello psichico. Tradizionalmente la fine dell'anno vecchio è visto come il momento della maturazione di tendenze karmiche".

Questa stagione dön è un momento in cui il karma accumulato nell’anno passato viene a galla e, a volte, sembra come se ci stesse schiaffeggiando in faccia. I dön sono espressioni di confusione, di malattia e di discordia che appaiono nella nostra vita quotidiana. Si riferiscono ai vari ostacoli e blocchi che si manifestano nel nostro corpo, nella nostra parola e nella nostra mente, e che si infiltrano in qualsiasi aspetto della nostra esperienza.

In un discorso del 2008 sui dön, Sakyong Mipham Rinpoche insegna che esistono ostacoli esterni, che includono i quattro elementi, altri individui, e forze invisibili; ostacoli interni, che includono concetti discorsivi e pesanti ed emozioni che affliggono la mente; e ostacoli segreti, quelli che "impediscono il progresso del nostro percorso [buddista]".

I dön possono manifestarsi ovunque dal sbattere il mignolo del piede nella porta del bagno alla lite con il nostro partner per un nonnulla, con conseguente emicrania, o al perdere le chiavi alle quali era attaccata la chiavetta con tutte le foto per la nonna.

Ad un livello più sottile, i dön sono i sconvolgimenti emotivi che turbano la nostra pratica di meditazione, il nostro sviluppo spirituale, e il nostro senso di gioia nella vita.

"Fondamentalmente, i dön sono tutto ciò che ci distoglie dall’impegnarci con il momento presente nel modo più chiaro, preciso ed autentico possibile".

Forse finora stai passando una settimana deliziosa e pensi che tutte queste sono esagerazioni tibetane. Va bene. Ci sono altri articoli incantevoli su questo sito che puoi leggere. Ma se ti senti improvvisamente giù, affaticato, o se sei stato insultato per strada, sarebbe utile considerare che potrebbe essere la fine di un ciclo annuale ad avere un effetto sul tuo benessere.

Sakyong Mipham Rinpoche insegna che questo non è un momento per andare fuori di testa ma che la stagione dön è un momento per riflettere sulle nostre azioni, riorganizzarsi, e guardare da vicino gli ostacoli che si sono manifestati nel corso dell'anno. Quando incontriamo un attacco di dön, rallentiamo, ammorbidiamo il nostro cuore, e aumentiamo la nostra presenza mentale e la nostra consapevolezza. Prestiamo molta attenzione ai dön, e li ascoltiamo: "Cos’è che il mondo dei fenomeni sta cercando di dirci? Come possiamo ricevere le risposte, e vedere gli ostacoli come nostri alleati spirituali? "

È interessante notare che, nel suo libro Turning the Mind into an Ally, Sakyong Mipham Rinpoche scrive di un'altra forma di pigrizia che sembra essere applicabile a questa stagione dön: il tran tran frenetico. Questa è la forma di pigrizia che si manifesta con l’inventarsi qualsiasi attività pur di evitare di fare qualcosa. Ad esempio, vuoi meditare, ma prima devi passare l’aspirapolvere, poi ci sono un paio di email che richiedono la tua attenzione, allora ti rendi conto che devi richiamare qualcuno, poi devi farti la doccia, quindi è già l’una di notte ed è troppo tardi a meditare perché devi andare a letto!

Il miglior antidoto per uno stile di vita troppo veloce è più facile a dirsi che a farsi: rallentare. Prendetevi il tempo per notare quando state accelerando durante questa stagione dön. Riconoscete quel momento e poi consapevolmente prendetevi del tempo per rallentare il ritmo, o la velocità con cui mangiate, o consentite più spazio alle vostre conversazioni. Quando ci prendiamo il tempo di essere più presenti, allora possiamo vedere chiaramente le situazioni. Da questo punto di vista si può quindi trovare una maniera per superare qualsiasi ostacolo.

Lodro Dorje raccomanda di mantenere la nostra condotta e la nostra consapevolezza diretta e gentile. Sembra un buon consiglio per ogni stagione! Lodro continua dicendo che possiamo rimanere aperti, cavalcare sulle nostre energie personali, e prestare attenzione ai dettagli della nostra vita. Questo può significare pulire casa, ricontrollare i progetti sul posto di lavoro, o fare in modo di mangiare tre pasti al giorno. Questo consiglio, in particolare il prestare attenzione ai dettagli della nostra vita, sembra davvero molto potente.

Quindi, se si sono verificati un sacco di ostacoli in questo periodo ho una brutta notizia e una buona notizia. La brutta notizia è che da un punto di vista della tradizione tibetana, si potrebbe continuare a vivere momenti difficili per un'altra settimana, più o meno. La buona notizia è che è possibile affrontare questi ostacoli senza paura, con apertura, rallentando ed apprezzando i dettagli della nostra vita. Bonus buona notizia: tutto è impermanente, anche le cose cattive!

(Una eccellente presentazione (in inglese) per chi non sa nulla sul buddismo tibetano: http://www.slideshare.net/rfitzgibon/tibetan-buddhism-for-dharma-dummies-3117173)

Ulteriori info sui dön http://tibetanaltar.blogspot.it/2012/02/don-season.html e un ottimo libro di introduzione sul buddismo di Lodro Rinzel : http://www.amazon.com/Buddha-Walks-into-Bar-Generation/dp/1590309375)

.

#tibetannewyear #dön

3 visualizzazioni

​© 2013-2020 by Caterina Allegra

SicilYoga è un marchio registrato

Numero deposito: 302019000030203

(Ministero Sviluppo Economico)